La geometria non è il semplice pretesto per risolvere i problemi con perimetro e area...crediamo in un valore culturale dell'insegnamento della geometria.

"La dimostrazione di un teorema ha lo stesso valore e la stessa bellezza di un affresco o di una sinfonia di un grande artista"

Piergiorgio Oddifreddi "Una via di fuga" (secondo volume della trilogia sulla storia della geometria)

Perchè proprio la geometria

  • Perché la geometria è bella ed importante per tutte le acquisizioni in matematica.
  • Perchè la geometria ha svolto un ruolo cruciale nella storia della matematica.
  • Perchè non possiede solo un valore strumentale, come molti credono, ma anche un valore culturale. Per noi esiste un pensare geometrico
  • Perché nella storia della scuola si è scelto di puntare all'inizio della scolarizzazione sull'aritmetica a scapito della geometria ed ora se ne fa poca.
  • Spesso con i bambini più piccoli ci si ferma a nominare le figure, invece vogliamo cogliere somiglianze e differenze per condurre gli alunni a concettualizzare (sc. Infanzia) e formalizzare (sc. Primaria).
  • Perché negli ultimi decenni gli studi di psicologia dell’apprendimento hanno contribuito notevolmente a descrivere i processi cognitivi implicati nel calcolo e nella soluzione di problemi non alla geometria.

Da una intervista svolta da me con 60 ragazzi di classe prima della secondaria di primo grado è emerso che:

  • in genere non capiscono l’importanza della geometria per la propria formazione culturale, la associano ai geometri. 
  • sono poco strategici nell’apprendimento; ancora meno strategici rispetto agli apprendimenti di aritmetica. 

Esiste un valore culturale del perché insegno la geometria e non devo mai anteporre a questo perché il calcolo dell'area del trapezio o il perimetro di un triangolo isoscele. Non interessa a me insegnante e nemmeno ai matematici.

Tanto più se calcolo l'area o il perimetro sempre con la stessa formula che sembra piovuta dal cielo. Interessa poco applicare una procedura e sopratutto dal punto di vista formativo sollecita dei processi elementari che in mille altre occasioni sono promosse e sollecitate per cui voglio ottimizzare i tempi didattici.

La risposta culturale deve essere forte, esplicita, visibile, la devo poter riconoscere nelle cose che faccio.

Ancora: le figure tridimensionali non mi interessano perché ne posso calcolare il volume, o la misura dell'estensione superficiale. Mi interessano le proprietà topologiche, perché capisco come sono fatte, quali sono le relazioni che legano gli elementi che costituiscono queste figure: le facce, gli spigoli, gli angoli. Dicevamo: valore culturale.

Liberamente tratto da un intervento di Berta Martini

Il seminario del 17 febbraio 2006 al quale partecipò la dott. B. Martini
Il seminario del 17 febbraio 2006 al quale partecipò la dott. B. Martini

Video prodotti dall'ins. Maria Carla Palmeri con i suoi alunni della scuola media Poliziano Firenze con il programma Cabrì.

Sito realizzato da

M T

Link utili

Il Polo Apprendimento prende le mosse dal Centro per le difficoltà di apprendimento.

USR Veneto

Ufficio Scolastico Regionale Veneto

INVALSI

Istituto Nazionale per la Valutazione del Sistema Educativo di Istruzione e di Formazione

CNIS

Associazione per il coordinamento nazionale degli insegnanti specializzati e la ricerca sulle situazioni di handicap

AIRIPA

Associazione Italiana per la Ricerca e l'Intervento nella Psicopatologia dell'Apprendimento